Crea sito

Fase 2, il giorno dopo

Buona giornata a Tutte e a Tutti
oggi 5 maggio, vorrei dire ” ei fu ” al Carogna, ma dovremo attendere ancora!  

Ho notato in queste settimane che tra coloro che mi rispondono (alcuni mi criticano anche se molto garbatamente e io sono loro grata) ci sono poche persone di Rete.

Penso che più che avere poco tempo (tutti lavoriamo tanto, forse troppo da quasi 8 settimane) non si vedono rappresentati nelle mie riflessioni.

Diciamo che cerco sempre ogni giorno e non solo la mattina quando mi siedo a scrivere queste stupide parole, di non dividere il mondo della lavoratrice e lavoratori in due: chi lavora da casa e chi lavora in Rete. Le divisioni, ogni divisione, divide anche la forza, la Forza che ogni giorno mi piace ricordarvi di avere.

Per me non ci deve essere il mondo dello Smart Woking e quello delle Filiali, Aree, UCD: per me esiste S. WORKING, CHE IL SUPER WORKING Perché tutti e tutte ci stiamo DANDO DENTRO E TANTO.

Due parole sulla fase 2: più tardi leggerete il volantino unitario che vi racconterà quello che ci siamo detti ieri nell’incontro di capogruppo: ma vi faccio un pochino di spoileraggio.

Apertura Filiali: sapete la mia fissazione per i numeri (hanno sempre ragione, se non taroccati ma io non li tarocco mai): all’avvento della Carogna le filiali rimaste aperte erano 760; dal 30 aprile sono diventate 1250. Questa settimana se ne aggiungono altre 150, per un totale di 1400 che sono il 58% del totale. Dal 11/05 verranno aperte ulteriori 350 filiali; dal 18/05 ancora 350, alla fine di maggio riapertura completa.

Le aperture restano su appuntamento, solo al mattino al pubblico ed a giorni alterni.

Si pone un problema di organici per tenere aperte le Filiali: molti Colleghi e Colleghe di Rete lavorano da casa nelle task force, o nelle Agenzie, anche in task force.  Siccome non credo proprio che qualcuno abbia il dono della ubiquità, man mano che si riapriranno le Filiali il problema organici emergerà evidente.

Lavoro da casa: al 30 aprile il 58% dei colleghi e colleghe lavorano da remoto. Previsti rientri graduali per quelle attività che hanno serie difficoltà ad essere svolte fuori dalla sede di lavoro. Per il resto il rientro non è previsto a breve, soprattutto nei grandi plessi.

Per quanto riguarda il Direct l’azienda prevede di continuare ancora il lavoro da remoto (oggi utilizzato dal 90% dei colleghi) senza, per il momento, prevedere rientro a breve.

Genitorialità: l’Azienda ha ribadito la disponibilità dei permessi retribuiti

Persone con problemi di salute, donne in gravidanza e allattamento: restano a casa, come è stato sino ad oggi.

Non vi voglio tediare oltre poiché il volantino sarà più che esaustivo.

Finisco solo con due cose. La tutela della vostra salute è – davvero –  il primo pensiero del Sindacato, poi, appena un millimetro sotto, sta la tutela del vostro posto di lavoro e della vostra retribuzione.

Quindi ricordate che le mascherine saranno obbligatorie per i /le Dipendenti e tutti i fornitori e manutentori di Unicredit; se non avete le mascherine avvisateci.
Ricordate che ci devono essere i divisori in plexiglass, ogni consulente deve avere alla propria postazione il divisore. Se non l’avete,  chiamateci.  

Davanti a ogni agenzia ci deve essere la Guardia: un tempo garantiva la nostra incolumità dal rischio rapina, oggi, gestendo il flusso della clientela, pensateci, svolge lo stesso compito, tutelandoci contro il vile Carogna.

Per oggi è tutto, a domani con Forza!